Skip to main content

Presenza social indispensabile, revisione del “vecchio” curriculum (quello magari utilizzato l’ultima volta 20 anni fa) e un’immagine curata e giovanile (ma non giovanilistica) in caso di colloquio per trovare lavoro a 50 anni.

Questi i principali consigli per chi, a questa età, si ritrova a rimettersi sul mercato del lavoro o, e sono sempre di più, vogliono semplicemente cambiare vita e iniziano dalla riqualificazione professionale.

Come trovare lavoro a 50 anni

Il punto è che a questa età, anche se obiettivamente l’orologio biologico detta i suoi nuovi tempi, la maggior parte delle donne appare giovanile, ben curata, è energica e sicura di sé ma soprattutto con una consapevolezza di se stessa che non teme rivali, né trentenni né quarantenni.

Il primo consiglio dunque è di valorizzare la propria professionalità ed esperienza, candidandosi per posizioni che sappiano apprezzarle. Se invece mandiamo il cv per un lavoro dove l’immagine è prioritaria, per quanto possiamo essere una donna di bell’aspetto, è probabile che venga scartato, a favore di quello di ragazze più giovani.

L’altro scoglio duro contro il quale infrangere ogni speranza è la posizione lavorativa cosiddetta “junior”. Anche se l’offerta di lavoro sembra fatta su misura per noi, meglio desistere dall’inviare il CV. Solitamente, si cercano persone alle prime armi perché anche la retribuzione è in linea con quel livello di esperienza.

Ecco gli unici casi in cui accettare un lavoro sottopagato o comunque uno stipendio basso.

Il vantaggio competitivo nel cercare lavoro a 50 anni però è quello di avere già una famiglia alle spalle, o comunque una stabilità delle proprie relazioni sentimentali, e figli più o meno grandi. Non ci saranno problemi di disponibilità oraria o di assenze dal lavoro per accudire i bimbi più piccoli.

L’età e l’esperienza diventano allora veri e propri punti di forza.

Lavoro a 50 anni: la stesura del CV

Da esperta del settore, il consiglio che sento di dare, da donna a donna, è di avere sempre un curriculum aggiornato a portata di mano, sia che si cerca lavoro come dipendente sia in qualità di freelance.

Tra i servizi che offro ci sono anche la stesura e la revisione del CV. Alcuni programmi agevolano il lavoro, come ad esempio Google Doc oppure Pages.

Si inizia con una introduzione in grado di catturare l’attenzione ed è fondamentale saper utilizzare a dovere le parole chiave più importanti per la propria professione.

Il CV deve essere chiaro e ordinato, con le sezioni suddivise in paragrafi, un font con un carattere di ampiezza 12 (eccetto i titoli), senza fronzoli estetici.

Il Curriculum Europeo? Meglio desistere, va bene soprattutto per chi è alle prime armi.

Infine, il CV deve essere leggibile sui vari dispositivi e deve contenere anche link al portfolio o ad alcuni progetti già realizzati e in linea con la posizione che si desidera ricoprire. E ovviamente i profili social più adatti alla tua età, in primis LinkedIn (che possiamo ottimizzare insieme).

Se il tuo “vecchio” CV non sai neppure dove sia, ti aiuto a realizzarne subito uno nuovo. La prima consulenza di 30 minuti di #mammachebrand è sempre gratuita: prenota ora tramite il pulsante WhatsApp in basso a destra.

Natalia Piemontese

Sono Natalia, un Master in Risorse Umane, due figlie e dal 2009 sul web come redattrice e copywriter freelance. Ho collaborato con decine di blog professionali e scritto libri, dedicandomi in particolare a business e tematiche del lavoro. Siccome sono sopravvissuta (felicemente), posso aiutarti a creare il tuo brand e a gestire un blog.

Leave a Reply

Apri chat
Benvenuta!
Sei una mamma freelance? La prima consulenza di Crea il tuo Brand è gratis. Verifichiamo insieme le tue competenze digitali, così da portare il tuo lavoro online e promuoverti sul web.
Fissa ora il tuo appuntamento