Skip to main content

Tra essere spontanei e mettere in piazza la propria vita privata, ce ne passa. L’utilizzo dei social media oggigiorno è massiccio e in realtà, essendo a tutti gli effetti un nuovo modo di comunicare, non ci sarebbe nulla di male a farlo.

A meno di… non esagerare!

Che si tratti di una pagina aziendale o, a maggior ragione, di un profilo personale, è importante imparare a filtrare le informazioni da pubblicare. Perché? Per il semplice motivo che, come accade nella vita reale, è bene condividere alcuni aspetti della propria vita o avvenimenti solo con poche persone, senza divulgarle ai più.

La regola aurea è innanzitutto una sola: non scrivere di getto! Magari in preda a una sfuriata oppure una serata d’euforia. E poi evitare alcuni argomenti in particolare, in modo da non compromettere la tua immagine professionale e non pentirti di te stessa quando a settembre ricomincerai le call con i clienti.

Mamme freelance, tra figli e lavoro il bon ton è d’obbligo

L’obiettivo di questo post è riflettere sul fatto che in quanto professioniste abbiamo il dovere di preservare la nostra immagine professionale. Sempre. Quindi anche se siamo con le amiche sotto l’ombrellone, tra un aperitivo e una risata, evitiamo di utilizzare i social “disconnettendo” il cervello.

Non pubblichiamo post in cui:

  • ci lamentiamo di un lavoro che ancora (nella settimana di Ferragosto) stiamo portando avanti
  • lanciamo accuse infuocate contro colleghi di lavoro oppure parliamo di politica, religione o di razzismo
  • siamo a una festa sulla spiaggia con una bottiglia di vodka in mano, scomposte o in abiti succinti

Infine, ricordiamo sempre di non utilizzare i social per invettive personali contro qualcuno che sappiamo leggerà il nostro post.

Questo accade sempre più spesso: ci si lascia andare a giudizi e offese che sembrano “generiche” ma in realtà sono rivolte a qualcuno in particolare (basti pensare alla donna separata che magari pubblica post con insulti sapendo che l’ex- marito li leggerà). Purtroppo non fa che “diminuire” il vostro valore di donna prima di tutto, nonché di mamma e professionista freelance.

 

 

Natalia Piemontese

Sono Natalia, un Master in Risorse Umane, due figlie e dal 2009 sul web come redattrice e copywriter freelance. Ho collaborato con decine di blog professionali e scritto libri, dedicandomi in particolare a business e tematiche del lavoro. Siccome sono sopravvissuta (felicemente), posso aiutarti a creare il tuo brand e a gestire un blog.

Leave a Reply

Apri chat
Benvenuta!
Sei una mamma freelance? La prima consulenza di Crea il tuo Brand è gratis. Verifichiamo insieme le tue competenze digitali, così da portare il tuo lavoro online e promuoverti sul web.
Fissa ora il tuo appuntamento